1 - Salon Man parrucchiere per Uomo specializzato nella cura dei capelli e della cute Urbisaglia corso giannelli mc

Salon Man

Parrucchiere per Uomo

Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )

Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )

Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )
Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc)
Parrucchiere per Uomo
Parrucchiere per Uomo


Parrucchiere per Uomo


logo negozio
telefono negozio
Vai ai contenuti
Urbisaglia > Lo zio Memmone > Rime dello zio
Le rime dello zio
La merla a campusantu

Lu jornu de li morti a campusandu
scappatu che adèro de tra mezzo li fornetti
me so mistu a reguardà
le tombe vecchjie a campu
 
L’abbandonu
‘na piètra rotta, ‘na foto stinta
lu populu de li morti adè tarmènde fittu
che quanno non ce sarrà più lu postu
ce sotterrerà a tutti per drittu
 
Guardavo assortu
ll’erba fresca sopre le fosse
quanno se pusa ‘na merla nera
vella,… pitturuta
me vè vicina e me guarda risuluta
 
Se ‘ccosta:
“Pe li fossi adè caccia aperta
e lu piriculu non cessa fin’a sera
ce pole scappà che tra li turdi
ce jira su lu spidu….. ‘na merla nera!”
 
Me guarda: « qui se stà vè » me dice
“li vermeni me vvanza…
e anchi ll’omu pegghjio
tene le mà ‘ncrociate su la panza!”
…..: “ohDdio, qui ce fa friddu
la posta sta ‘bborata
m’adè mejio la guazza
c’a pijià ‘na schioppettata!”
 
Eh!.. t’hai rajiò tu, merla graziosa..
qui la patrona adè ‘na pace rara…
anchi lu mejio cacciatò…
te guarda de la foto…..
ma non te spara!


Garivardi mia

Ormai tant’anni fa
partiti adè de Quarto
mille cojioni arreto a Garivardi
u’ schioppu tra le ma… ‘na vajonetta
tutti quandi ‘ntrepidi e gajiardi
porvere e palle drento a ‘na sacchetta
a preparà la strade pe’ li Savoiardi!
 
“Quando del vaporetto s’udì il fischio
mille camisce rosce all’ordine…..
del Generale e Nino Bischio!”
su la nave ‘sti vardasci guardava
l’orizzonte
co’ lu pettu sognatore e impavida
la fronte!
 
Chi lasciò lu patre e chi la matre
chi la fidanzata e chi tutta la famijia
chi lasciò la zappa e chi la vanga
per caccià li Vorboni de la Sicilia
quasci tutti a piedi
quarchi atru montò ‘n Sella
tutti assieme pe’ fa st’Italia vella!
 
De nobbili pienu adera lu stivale
per fa l’Italia unita….. un gran Paese
ignaru de la storia medievale
oh Generale! Vai a scejie… un re francese?
 
Eri jitu tanto vè a cercà fortuna…
se cc’eri ‘rmastu
Peppe mia….. in America latina
non duviamo da portà lu vastu
da la sera a la matina!
 
Tu sarrai statu pure…
onestu e preveggende
ma arreto a te
ce s’è frizzata troppa jiende
che dell’Italia
je ne frecava gnende
affaristi latri e avventurieri
sinza sapello(?)… si fatto postu
a li commerciandi e a li vanchieri!
 
Gnisciuno me lo lea de la testa…
(quistu adè lu penzieru mia)
che tu… Mazzini e tutti ll’atri
sete fatto tutto ‘sto largo…
pe la Massoneria!
 
Se je davi quattro schiaffi
a Cajanello (Teano)
e Vitturì lu vuttavi de “cavallo”…
o pure se aderi rmastu
nell’emisferu australe
a “patti po’ esse che sse vinìa”
co lu Papatu…
e se campava tutti quandi…
mango male!
 
Dopo centocinquant’anni
e lu risorgimentu
lu populu italianu
adè sempre più sgomentu!
 
Te lo desse anchi Totò…
elegante e a modu sua…
io te dico:
Garivardi mia… chi sà che pace
se t’eri fattu li c…i tua!
Poro Memmo cacciatò

La matina de Natale
non adè tant’ortodossu
so scappatu pe la caccia
so marcato valle e fossu
 
Sinza prufirì parole
me ‘ccompagna la doppietta
sia che pioe o che dà lu sole
de la caccia amante stretta
 
La pasciò emana discreta
‘quilibrata, sinza viziu
spara solo commannata
de lu cacciatò a sirviziu
 
Fortunate assai le cacce
quillu jornu de sandità
merle turdi e assai veccacce
so sparato in quantità
 
So ‘rrimpjito la vesaccia
non vastò la cacciatora
che miraculu ‘sta caccia
piumme e pilo drento e fora
 
‘Na jornata comme questa
chisà quanno arvenerà
questa caccia adè ‘na festa
prufumata de lillà
 
Manco mai m’adera successo
che ‘mpostenno la doppietta
tutti quandi ll’animali
me cascava su la votta
 
So rriatu a lume-scuru
le cartucce adè finite
la doppietta su lu muru
lu camì pijnu de lute
 
Ma che sognu che ssò fattu
che sse fosse verità
me putìa scoppià lu pettu
tanda la filicità
 
De la caccia me cunzuma
comme ‘n focu la pasciò
comme ll’ojio su la luma…..
poru Memmo cacciatò!!


Lì sogni

Li sogni adè
comme le case da tirà su
pe’ rializzalli
ce vole tanda fadiga
e spisso-spisso
non te vasta li mattù


La votte

Io penzo che ’sta vita
adè comme ‘na gran votte da rrimpjì
se je voli fa ll’onore
c’hai da mette lo meglio vì!
 
Passa ll’anni… e lo vì se ‘nvecchia
e se lu resurdatu non tradisce l’attesa
allora potrai dì ch’adè varza la spesa
 
Ma se cce mitti’n vi
che de la votte non adè all’ardezza
da giovane o da vecchio
sarrà sampre ‘na schifezza!


Cò la rima e....

Pe’ coce le castagne su lu focu
stuzzica lu tizzu la vergara…
e vola via le lute fute-fute
quanno co’lu ferru roppe la fiara
 
Su ppe’lu camì
va ‘lle lucette velle
che appena sta de fori
pare tutte quande stelle



Senza rima

La vita
adè ‘na luta de focu
che scoppietta e va su…
va arda-arda
e po’ se ferma…
e sta lassù…
e pare che non voglia 'rvinì ghjiò più…
 
Ma piano-piano cala,..cala,..cala,…
e quanno ‘rria per terra…
agghjià adè smorcia!!


La legge tua

Comme se fosse pochi
tutti li malanni de la terra
li cristià ch’ha fatto?….
te va ‘nvendà la guerra!
 
Ma dimme tu....Arfrè…
la guerra che sarrìa?!
morti… vedovanze e caristia!
 
Piagne ll’orfani
su li cigli de le strade
brigandi e generali
fa la legge co’ le spade
 
Non basta malatìe…
lacrime e pestilenze
quanno che unu se sende forte
crea pe’ lu prossimu sua
dolori e sofferenze
La forza de li schioppi
crea dolore e sofferenza
lo cattìo e l’arroganza…..
de li cannù lu rombu
de li sordati l’ignoranza!
 
Non più de mille cristià
tene li piedi sopre li populi ‘nteri
spara su lu mucchiu
venga domà passatu ieri
 
Stucca le mine
vracci e zambe a le criature
e su li campi de vattaglia
cambia solo le vandiere
Ma quanno finirà…. io me domanno
‘sta notte scura
quanno finirà ‘sta gran paura
 
Quanno sarrà
che su ‘sta terra
se perderà
lu ricordu zuzzu de la guerra
 
Quanno sarrà
oh Patreternu mia
la pace sempre!.....
e lu rispettu pe’ la legge tua


Te ringrazio mio Signore

Te ringrazio mio Signore
de ‘sta spalla lu dolore
mio Signore te ringrazio
de la spalla questo strazio
 
Io te prego
damme udienza
stamme a sindì e…
abbi pacienza
 
Tu che de tuttu lu sistema
si lu creatore
perché si ‘bbandonato li cristiani
a li pianti a la ruvina e lu dolore
 
Tu che da zero
si fatto le stelle e li pianeti
tu che l’universo fai tenè
sinza tittu né muri né pianciti
 
Tu che te si ‘nventatu
vita e morte
perché no’ scordi mai
chi strilla forte
 
 
Perché fai recchia sorda
a chi se ‘nchina e prega
e a lu volere Tua
sempre se piega
 
Perché no’ scordi
a chi umile te parla
matina e sera
… che comme me non c’ha
l’anema nera
 
E che spisso me vergogno
a domannà ‘mbasciata
che de peccati
… ciagghjio ll’anema tarlata
 
Tu lo sai che te rispetto
e me piace de pregà
ma se me ‘nciampo su ‘na scala
rettacco a viastimà!
 
Quello che dicidi
fatto vene adè per me
Signore
anghe de ‘sta spalla
lu gran dolore
 
Me poli pure dì
“vatte a operà….
fatte sistemà…
rtroete ‘n dottore
e non me roppe ll’anema
a tutte llore!”
 
Ma Tu capisci che…
io spero sempre
sull’interventu Tua
risolutore!
 
Però… se no’ lu voli fa
stu miraculittu
me dario pace a sintitte dì
“tette lu dolore tua…
Ch’io c’agghjio da jiudà
a ‘n’atru purittu!”
allora sci Signore…
me starrio zittu!
Patre ternu
Torna ai contenuti