2 - Salon Man parrucchiere per Uomo specializzato nella cura dei capelli e della cute Urbisaglia corso giannelli mc

Salon Man

Parrucchiere per Uomo

Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )

Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )

Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )
Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc)
Parrucchiere per Uomo
Parrucchiere per Uomo


Parrucchiere per Uomo


logo negozio
telefono negozio
Vai ai contenuti
Urbisaglia > Lo zio Memmone > Rime dello zio
Le rime dello zio
San Martì

Che cce se voglia crede
o pure no
li miraculi soccede
comme no!
 
Quanno che ‘rrìa Novembre
co ‘lle vrume ghjiacce
lu passu de li turdi
le strellacche e ‘ll’atre cacce!
 
Lo vì adè bello che fatto
…e dorme drento la votte
e fori …de lontano
de le doppiette se sende le bbotte!
 
Se non adè tutte padelle
li spari de li schioppi
stasera ce sarrà turdi e tordelle
a ghjirà sopre li cippi!
 
A tempi de miseria
la votta non se sbagljia
tra ‘n cellu e ‘n’atru
‘na foglia de lauro
e ‘n pizzittu de varbagljia!
 
Arfrè…
che fantasia… che nostalgia
‘l Signore quillu jiornu
te ss’ha portato via
 
Miraculu!
Lu tempu passatu
non pole ‘rvinì
la vruma le castagne...
e ‘n vecchieru de vì!
Però…
Me pare de vedette
quanno li nuvoli se rrapre…
e scoppia San Martì!
 
Adè l’istate
la più bella che cce sia
anchi se me cojie…..
‘n po’ de malinconia!


Si a cicciu nò gne vai...

Si a cicciu tanto no’ gne vai
a lu Patreternu
non mette lu lottu
e no’ gnocà lu ternu
no’ gnocà ne ll’ambu
e ne ll’ambata
e ‘ttarbete vene pe’ sintì
se vivu ancora sei
a fine jornata!
 
Ne la vita pe’ ghjiì bene
se sa! ce vole a no’ncollasse pene
l’aiudu del Signore o la fortuna
tantu richiede
o pure tutti due assieme…
se coincide!
 
C’è stata jiende che spavarda
ha traversato li campi de vattajia
‘mpavidi o’ncosciendi a testa arda e…
no’ l’ha sfiorati mango ‘na palla de mitrajia!
 
A chi tranguillu caminava
sotto a ‘n curniciò
jè cascatu su la testa ‘n tegolò
smossu de lu vendu…
o pure da ‘n picciò!
 
A ‘sto munno
nasce jiende sana a tutte ll’ore
e dopo pochi jiorni
sinza lo magnà de fame more!
 
…E la morte per chi more
de lo munno adè la fine
te pare fatto vene oh mio Signore
che de le rose…
a chi je dai la ‘dore…. e a chi le spine?!
 
Te pare fatto vene oh mio Signore
che la ricchezza dài
quasci sempre all’impostore
e la fortuna mai
a chi campa de carità e d’amore?!
 
Perdona l’ardimentu …
oh mio Signore
io non te vojio da forzà la mà
tu lo sai che a me…
me piace ‘n po’ a discore
però un poco de jiusto ar’munno
lo devi da mannà!
 
Tu cerchi a conquistà
chi non te crede
e me pare che te scordi de chi prega
pure se non te vede…
de chi modestu vive ne la fede!
 
Te pozzo anche capì
oh mio Signore
a cicciu non te va
la prece de ‘n peccatore
vanne avanti ‘n po’ cuscì
ce si fatto sempre…..
fa ‘n po’ comme te pare!


'Na sera se parlava....

‘Na sera se parlava davanti a lu caffè…
“de questa e de quella…”
se cercava a stabilì de ognun per se…
quala fosse ar munno la più bella!
 
Donne de paese
o pure scunusciute
e de la terra ‘ntera
anche le più famose
 
E tutti dava lu penzieru sua
e te spiegava lu motivu
de quella scerda sua!
 
“Quella….
c’ha lu sguardu ammaliatore
quell’atra…
c’ha lu pettu ‘n’abbondanza
co’ quella…
ce passerìo la vita e ll’ore
però quell’atra…
adè maestra d’eleganza!”
 
Co lo discorre…
s’era fatta notte fonna
“quella sta mejio co le carze
quell’atra co la gonna!”
“quella c’ha l’età…. però la sa portà!”
 
“A me fresca me piace…
che profuma de gioventù…
vecchia ce l’hagghjio a casa…
quessa te la poli tenè tu!”
 
Tra lu sonnu e la stracchezza
e le lengue che sse ‘ntrecciava
de la discussiò la vrezza
la più bella non se troava!
 
M’ero statu sempre zittu
e la scena me gustavo
a sedè su ‘u’spigulittu
pe ‘ddurmimme quasci stavo
 
Che ridiculu adè l’omu
quanno parla pe’ parlà
tu la penzi comme me vero Arfrè?
 
“Che non faccia tante storie…
non te faccia tribbulà
la più bella de lo munno…..
adè quella che te la dà!?!”
Non me fà perde tempu

“So ggiovene e so bbella…
faccio figura…
ll’occhji c’agghjio virbi…
e malandrini
non c’agghjio visognu per mandenè la linia
a fa la cura
ll’amore lo faccio solo co’ chi me piace…
e no pe li quatrini!”
 
Cuscì me desse ‘na regazzotta vella
che pe’ sbagliu je fici ‘n cumplimentu
la coda c’hai de pajia penzai…stella!
e volli cuntinuà sull’argomentu
 
Ma questa ‘ncapunita
e io ancora più sgomentu
“vojio esse corteggiata
non me presto a lu momentu!
 
Me piace de godè la vita…
E so u’moccò viziata
sull’omu me piace la vardanza
me pari ‘n po’ ‘ttempatu e co la panza!”
 
Me ‘ncazzai: “Adè vero…
me s’è ‘bbassata ‘n po’ la vista
e ‘n’atra cosa pure
ma coll’occhiali e ‘na pasticca
pole soccede che te manno a fa le cure!
 
Voli vedè
che co’ la carma e la scienza
cresce quello che non se vede
se senterà li strilli tua fino a le Ripe
e te faccio ‘rpiglià la strade de la fede?!”
 
Ma dopo penzai:
“se c’hai li vizi figlia
te li poli anchi tenè
io c’agghjio mojie e tre figli
e du’ gatti da mandenè……
 
E se pure c’agghjio tanta vojia
so passato li cinquant’anni
non me fa perde tempu… figlia…
che voli corteggià... non tanti affanni!...”
 
Je dissi:
“lu campusandu adè pjinu
co’ le foto de li compagni mia…
se me la voli dà…dammela!
no’ stà a discorre…
sennò ‘rcugli ‘ssa lengua e vatte via!...
 
oh core!
“A ‘st’età me metterò
a fa lu conquistatore…
mango fussi Cesere Agusto
…..de Roma ‘mperatore!”


L'arbulata

Jò sotto a lu paese statìa
e ‘ncora ce sta
a Valle Vona
un gran terrenu
propio lagghjiò…
don che la terra spiana
Bellu…. ssolatu
e d’ogni sorte de robba
adera piandatu!
 
Patrò n’adera ‘n contadì
…‘n’omu de allora
che pe’ comprà ‘sta terra…
lo pà mmullo coll’acqua
e la fadiga nera!
 
Quanno che ‘n’omu
se sarva de la guerra
paura no’ gne mette
la vita dura e…
de zappà la terra!
 
Li deviti puntuale paga
a ‘gni scadenza
anchi se svute adè
mattera e credenza
e… non te jiuda gnisciù
devi sperà su Dio
…e la pruvvidenza!
 
Cresce li figli st’omu
…du’ fratelli
du’ giovinotti ruvusti
grossi e belli
 
Ma la vita
sempre non dura
presto o tardi va a finì
e pure a stu por’omu
‘na jornata nera
jiè toccato de murì
 
A tutti riservatu
adè lu gran tortu
e ‘rriatu a ‘na cert’ora
pure issu adè mortu!
 
Ma tutto chiaro ‘n terra
haia lasciato…..
tanto a ‘n figliu che a ‘n’atru
perché la pace sempre
fosse regnato!
 
Espertu
de la natura umana
e de la vita
bene penzò a spartì
la terra
su la metà precisa
co’ ‘n’arbulata
un campu de quà
e un campu de là
co’ le piante su lu fossu
…a fa senata!
 
Cuscì che a ognunu
l’eredità mezza
je tocca
tanto precisi l’arbuli
lu terrenu…
su lo mezzo spacca!
 
Mejio de cuscì
gnisciuno mai era fatto ‘n terra
per fa lo vène de li figli
che mango a dillo…
mortu lu vecchiu se fece guerra!
 
“Le piande adè le mia…
jò lu fossu l’arbuli piantati!”
tutti ddue cuscì parlava
…e tutto jette a mà dell’avvocati!
 
Mango je parve vero
quanno vedde ‘sti du’ scemi
a “li Principi del foro”
che sta causa
fosse capitata propio a loro…
non soccede spisso
sinza caccià ‘n sordu
la fortuna
de fasse ‘n terrenu da sole
…a Valle Vona!
 
Però fu onesti l’avvocati
non fece tortu…
e a fine de la causa
rispettate le volontà
fu de lu mortu!
 
Co li terreni
la parcella fu pagata
ma onesti ripeto… l’avvocati
a li fratelli
je lasciò la proprietà…
dell’arbulata!
 
Tutta persa a ‘sti fratelli
però… non era jita
jiocati s’era la terra
ma je ‘rmanì le legne
pe’ tutta l’invernata!
L'amore è fatto

L’amore è fatto
Di niente e di tutto
Di un letto disfatto
Di un dolce contatto
Di pioggia a dirotto
Di tempo distratto
Cogliere un frutto
 
L’amore è fatto
D’intrigo e misfatto
Menzogna e ritratto
Poeta coatto
Di ascoso anfratto
Di pane rifatto
Di antico ritratto
Di un cielo scarlatto
Le fusa di un gatto
 
L’amore è fatto
Fatto e rifatto
Colpevol ricatto
Di corpi il baratto
Del tempo più bello
Del tempo più brutto
L’amore è mancino
L’amore è mandritto
 
L’amore è fatto
L’amore che fugge
Lontano da tutto
Dalla promessa
Del farabutto
L’amore è la sete
Del fiume asciutto
 
L’amore è fatto
Di moto perfetto
Dell’acqua che va
Che fugge da tutto
Che scende nel mare
Si perde nel flutto
L’amore ritorna
Stanco e distrutto
 
L’amore è fatto
Di velluto al tatto
Dei versi del matto
Dal mondo deriso
Del mondo reietto
Nascosto nel petto
Come in un pugno
Da un cuore protetto
L’amore…è fatto



La fine de lo munno

Agghjià
lu mese de Jiennà
tutti lu trattava l’argomendu
e tutti tremava de paura
e pieni de sgomendu
se guardava tutti attunno
e penzava ormai imminenente
…..la fine de lo munno
 
A Febbrà-Marzu e Aprile
ne parlava dell’asilo
le criature e li studendi
finanche all’arde scole…
de li Maja preveggendi
la teoria
che a ‘stu munno ha da portà
tutti ‘sti sconvolgimendi
 
Maggiu e Giugnu…
coll’istate ormai a le porte
non ce penza più gnisciù
e…… ce ride forte
ma traspare la paura
su la faccia de la jiende
quanno a sera ‘rmane da sola
e più non pole fa…..
finda de gnende!
 
Fa li sciapi e li spavardi
tutti quandi ‘n società
e mette ‘n mostra
un coraggiu che non ci ha
ma la sera è traditora
e lo scuro smorcia ‘gni voria
e allora se ‘rfa avandi
lu tormendu e la paura
 
Ferragosto passerà
sinza tante novità
co’ la feria e la vacanza
più gnisciuno
penza all’istanza
a la previsiò funesta
più gnisciuno sguardu presta!
 
Ma ‘gghjià a Ottobre
cambia ll’ora
e anzitempo ‘rria la sera
vederai che anchi a li meglio
se li magna la paura!
 
Vedrai Arfrè che l’argomentu
che paria ormai scordatu
su la vocca de la jiende
se ‘rpresenta inesoratu!
de la fine de lo munno
de la morte lu timore
darrà a tutti lu motivu
e lu fiatu per discore!
 
Comme pure nel Duemila
comme fu nell’annu Mille
de li scemi la gran fila
li cumizi fa scintille
e comme tutti su ‘sta terra
pure io…
me preparo all’evenienza
prego fitto e magno poco
…..faccio tanta penitenza!
 
Ma me pare de vedello
che la data passerà
e passate anche le feste
….. toccherà ‘rghji a fadigà
 
Arfrè
Voli vedè che all’umana jiende
je soccede
comme a ‘llu poru Jiannumì
che de lo munno
vista la fine ormai imminente
se finì lo pà e….je raddoppiò li dì?



Fortuna che sse campa...

Se de campà du’orde fosse dato
la seconda sinza memoria dato sia
che la gioia e lu dolore fosse scordatu
e quello che cce ‘rmane pe’cavalleria!
 
Po’esse che tte la scordi
la gioia la più grossa che cce sia
ma te rrempierà sempre li ricordi
la più piccola malinconia!
 
E li dolori e ppo’…picculi e grossi
pesa su la groppa comme sassi
Penzate oh jiende
se du’ orde fosse dato de campà….
du’orde li stesse pene …li cori a sopportà!
 
No,no!... meglio cusì!...
A me ‘sta vita qui m’ha fatto scola
meglio per sempre ‘na orda da murì…
fortuna che sse campa ‘na orda sola!!!



Torna ai contenuti