3 - Salon Man parrucchiere per Uomo specializzato nella cura dei capelli e della cute Urbisaglia corso giannelli mc

Salon Man

Parrucchiere per Uomo

Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )

Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )

Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )
Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc)
Parrucchiere per Uomo
Parrucchiere per Uomo


Parrucchiere per Uomo


logo negozio
telefono negozio
Vai ai contenuti
Urbisaglia > Lo zio Memmone > Rime dello zio
Le rime dello zio
Chi me 'scorda

Che io so’n peccatore
adè la verità
ma permettete che vve spiego
le cose comme stà
 
Certo adè vero che su la vocca
tando non ce sta vène la viastima
fa ll’omu tando vorgare
e de chi lu scorda perde la stima!
 
Però spisso chi ‘scorda
se fa ‘n’idea sbajiata..
e non capisce
che quella che sse sente
adè solo ‘na sfuriata…
un attimu de nervi che co’ gnende…
se svanisce!
 
Li pegghjio per me…
però de tutti quandi
adè quilli che tte guarda vrutto
e ‘cciacca piano-piano…
tra li denti!
 
Sarrà che jé fa vrutto
a quessa jende…
a sindì parole oscene
ma chi sà drendo de se…
la condotta che tene!?
 
o… chi sà…se sse vergogna
pe’ le viastime mia
perché jé ‘rvène a mente…..
li peccatacci sua!...mah!
 
Che io so’n peccatore
adè ‘na cosa vera
ma li cunti li faccio solamente
con chi me ‘scorda quanno prego…
a tarda sera!


Le corne

La più grossa paura dell’essere umanu
checché sse dica
de la notte de li seculi
non adè state mai….
lo scuro… la morte o la fadiga
 
La paura dell’omu
de la matina che sse rrizza
a la sera che sse ddorme
non adè quelle che sso ditto
m’adè le corne!
 
Tutti ce penza
anche se de no fa finta
e a tutti la gilusia je roseca
co la coscienza pulita o pure tinta
lu tempu mejio de la vita je‘sse freca!
 
Non esiste la fiducia
quanno che unu adè ‘nnammoratu
e su tutte le faccenne
ce sse vede lu peccatu
 
E anch’a’jiudasse
co lu rajionamentu
li nervi te tormenta e…
se tene sempre a stentu!
 
Se sarva solamente
chi adè spenzieratu
e penza che mai…
je soccederà da esse curnutu
 
Vive serenu
sia che pioe o che dà lu sole…
occhjiu non vede….core non dole!
'Na puisia

Dice…
comme se fa a ‘nventasse ‘na puisia?!
e che cce vole…
adè la cosa la più facile che cce sia
vasta a mette le parole dopo
uguale a quelle prima
e ecco qua che co’ gnende…
si fatto la rima!
 
Oh Ddio!...
la so fatta troppo facile… adè vero
Ma co’ u‘moccò d’ingegnu
Je la pole fa tutti quandi per daero
 
Ma se adè vero che….
adè facile faglie fa la rima a le parole
adè pure vero che
c’ha poco da raccontà
chi ll’anema no’gne dole
 
e allora vutta jò tre.. quattro frasacce
e penza c’a esse poeta
vasta u’moccò a penzacce!
 
Visogna stacce attendi
quanno che sse dopera la penna
a lu tempu che cce sse mette
pe’ buttà gghjiò la rima
 
perché se n’adè tantu e…
la ma’ tentenna
la puisia vè da lu purzu…
e no dall’anema!


Lu puliticu

Lu puliticu su ‘sta Patria nostra
adè la persona più ‘nvidiata
perché de sé fa vella mostra
e fa ‘na vita carma e repusata
 
Non saccio de preciso
quello che cce se guadagna
ma veco tanda jende
che cce se ‘mmazza
vorrà dì…..
che poco o tando…
ce sse magna
 
Me pare de vedello
che quanno adè ghjiornu de paga
‘n Parlamentu
ce sta più ghjiende lì
che stelle ‘n firmamentu
 
Oh!…ce sarrà pure
quarche parlamentare onestu
ma a quillu prima o dopo
lu fa de restu!
 
Se dice e ‘ppò
che sia forchette leste
sia che venga de la Marina…..
o de l’Agricoltura e le Foreste
La stella 'n cielo 13\05\85

Madonna…!
quande stelle c’è stasera….
e quande ne verrà
più tardi ancora!
 
Su sto munno a caminà
ne simo tandi
e se dice che lassù
c’è ‘na stella per tutti quandi
Tu penza Arfrè a la vondà
de chi c’ha criati
co’ tutte le puzzonate che simo fatto
ancora non c’ha ‘mmazzati
 
C’è da dì
c’adè propio ‘n gran Signore
rrapre la porta a tutti e…..
a tutte ll’ore
Ma quella che per me
adè la cosa più bella
quanno nasce ‘na criatura… se dice….
ppiccia ‘na stella


L'assaggiu

La vita per tutti quandi adè ‘n’assaggiu
‘na magnata intera non ce scappa
perché simo solamente de passaggiu!


Simplicità

Comme adè dorce la simplicità
‘na raciottella d’ua
e’n’moccecò de pà!


Gatta amorosa

Quanno me guardi gatta Amorosa
coss’occhji velli pari ‘na spusa
Quanno te ‘bbraccio pari u’straccittu
e ppò zompi via e fai manichittu
 
Se non fosse pe’ la parola
a quistu munnu putristi fa scola
Ma se pure parlà non sai
co’ du’ mossette capì te fai
 
De compagnia tu ssi la maestra
ormai si patrona de ‘sta casa nostra
Scappi e rebbocchji fai comme te pare
tocca a rrapritte a tutte ll’ore
 
Manco pari de razza felina
tando ‘ducata-tando carina
Ma de sicuro non si cristiana
tu si sincera…. non si puttana!
 
Tu ssi fedele de rara misura
de tradimentu non sai la mistura
Gatta carina stamme vicina
non me lascià per carità
Sinza de te…….n’saprio che fa!
De n’animalittu la compagnia
adè un regalu de nostru Signore
Gatta graziosa non te jì mai via
a Issu lassù lu rengrazio de core!
Torna ai contenuti