4 - Salon Man parrucchiere per Uomo specializzato nella cura dei capelli e della cute Urbisaglia corso giannelli mc

Salon Man

Parrucchiere per Uomo

Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )

Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )

Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc )
Salon Man
Corso Giannelli 35
Urbisaglia ( Mc)
Parrucchiere per Uomo
Parrucchiere per Uomo


Parrucchiere per Uomo


logo negozio
telefono negozio
Vai ai contenuti
Urbisaglia > Lo zio Memmone > Rime dello zio
Le rime dello zio
Lu sborgniu

Ogni rosa c’ha ‘na spina
ogni paese c’ha ‘na cantina
 
Quandi vicolacci so passato
a mezza sera tra lume-scuro
quande grotte so visitato
se ve lo dico non ce credete de sicuro
 
Faccio parte de ‘na categoria
che fa ‘na vita trista e tribbulata
se pole di che statimo a mezza via
tra ll’ortu lu stradellu e l’arbulata
 
‘Moccò pe’ non penzacce
‘moccò pe’ amnesia
‘na orda la vutto a Chianti
‘na orda a Malvasia
 
Però!....
Ogni donna ce n’ha una
quanno scappo adè quasci ll’una
quarche orda c’è la luna…..
ma sborgniu comme me…
non c’è gnisciuna!!!


L'invidia

Arfrè
Rajionece ‘mpo tu co la ‘gnoranza
adè comme
a ‘mparà a lu porcu la crianza
Non te jiuda gnisciù mango lu Patreterzu
le pegghjio lengue corre sinza sterzu
e magari lascia a rèto le faccenne sua
pe potesse mpiccià de li c…i tua!
 
Noatri ce ‘rrabbimo… non ce pare sani
‘nvece li ‘nvidiusi adè animali umani
c’è stati sempre e sempre ce sarrà
che convène de stacce a disperà!
 
Anzi
penzo ‘nvecece che la ‘nvidia adè quasci sociale
e dell’umana jiende adè….. comme le scale
mette ‘n moto tutt’un processu
che de la società fa lu progressu!
 
Certo che lu ‘nvidiusu
tanto non se fa li fatti sua
però… cerca sempre a migliorasse
per falli rsomeglià a li tua!
 
E allora se ‘nvenda li congegni…
li brevetti e pijia ‘mpegni
costruisce apparecchi e machinari
cuscì li populi manegghjia li denari
 
Ecco allora che la ‘nvidia…
divenda la midicina
de lu munnu che cresce e….
li populi …. camina!
 
Arfrè.. ma tu che penzi…
che ‘l Signore ‘nnipotende
criava li ‘nvidiusi
se non gne sirvìa a gnende?!


Cillittu mia

Adè ‘na gran gioia
quanno che nasce ‘n figliu
lu teni comme Maria a Gisù….
comme se fosse ‘n gijiu
 
Te segue e tu lu guidi
quanno che adè criatura
ma jiornu vene che vola de lu nidu
e de la vita sua … va a la ventura
 
Non serverà parole ne cunzigli
ognuno adè patrò de scegliese li sbagli
ma tutto se capisce e sse perdona
quarsiasi cosa fa… adè sempre figli!
 
Quanno che sarrò vecchiu
e dell’arrivu sarrò in dirittura
quanno straccu sarrà ll’occhjiu
e de ‘stu raminu sarrò in chiusura
e pure tu fijiu mia
c’arrai lo pilo vianco e ‘n’età matura
 
Drendo a stu core straccu
sempre sarrai lu cillittu mia
e lu sognu de ‘sta vita
sarrai pe’ babbu tua!
Lu durmiveglia

T’adè ccapitato mai Arfredo mia
de fa ‘n sognu su lo fa de jiornu
che non vurristi mai fugghjiesse via
e bbracci lu guanciale pe’ cuntinuà lu sonnu?
 
Ma lu sole se arza e lu sonnu finisce
e comme tutte le cose velle
quanno piano-piano se svanisce
lu sognu vola via sopre le stelle
Quistu adè lu durmiveglia… Arfredo mia
e non tutti lu capisce pe la verità
comme ‘na farfalla vola via
perché non tutti adè boni a sognà
 
Lu durmiveglia adè ‘na puisia nostrana
e pe ccapilla ce vò la vocaziò
la pole capì chi c’ha l’anema “piana”
e du’ minuti a ghjiornu scaccia le prioccupaziò



L'anema

Arfrè parlo co’ te
ma tu che penzi….l’anema….
ce l’aìmo o pure no?
E non fa ar solito tua
“po’ esse che sci po ’esse che no!”
 
A occhiu e croce ce la duvrimo aé
se me scordi un momendu
te spiego anchi perché
 
L’aria adè ‘nfinita
e li pianeti no?!
lu corpu umanu more…
l’anema ‘nvece no!
 
Se ll’omu adera immortale
la terra adera stracorma
li grossi se duvìa ‘ncollà li ciuchi
ma su lo stritto se sa…..
ll’omu perde la carma!
 
Dio penzò:…” li faccio murì per sempre
e daco postu all’atri…
o li faccio campà sempre
però tutti ‘mmucchiati?
A la vontà ‘nfinita vengo meno
o cerco a sistemalli tutti…..
chi più chi meno?”
 
Ma Issu lassù
de sta gran cosa adè lu capumastru
e co’ poco o gnende
ha rremediato a lu problema nostru
 
Sentenza!
“Lu corpu morerà…
perché adè de ciccia!
l’anema, più leggera
se confonnerà coll’aria…
cuscì no’mpiccia!”
 
“Cuscì su la terra
ce sarrà lu postu
e potrà campà più largu
chi cc’è ‘rmastu!”


La doppietta

La caccia adè quell’arte antica
che sse pratica all’inzegna dell’onore
a esse cacciatori onesti se fadiga
se rrempie le camisce de sudore
 
A caccia quasci sempre
se passa velle jornate
sia che adè piene de pioe
o pure che adè calle e ‘ssolate
 
Lu tempu vola via comme stregatu
e ‘rria la sera scura e traditora
lu jiornu co’ gnende adè finitu
e tocca a ‘rtirà a casa c’adè ora!
 
Te ‘ccosti vicino a lu camì quanno rebbocchi
e pure straccu mortu te luppeca ll’occhji
e de la caccia l’amante tua diletta
la ‘ttacchi su lu chiodu…. la doppietta!
 
E sta lli vona-vona su lu muru vollata
ma anchi essa vurria…..
che n’atra sittimana fosse agghjià passata
 
Ogni tanto quanno passi…
je vutti u’sguardu quasci d’amore…
perché la doppietta… se sa
c’ha l’anema anche se non discore!
Pe la famiglia visse

Quanno se dice
de rializzà li sogni
Te vutti da mattu e…
mango ce magni!
 
La caccia la pesca…
li viaggi d’avvendura
s’ho dovuto sempre da rinvià
la famiglia preme
e la vita adè sempre più dura!
 
Comunque dico…
“ancora so’ giovane, ‘ntando me organizzo!”
“poesse che più ‘n la…
me venga mejio e… li sogni li rializzo!”
“coll’anni
co la carma de la maturità
ce perdo tempu e studio mejio lo da fà!”
 
Ma cresce li figli
co lo passà dell’anni
e a mantenè famiglia
aumenda anchi l’affanni
 
Tocca a rmannalli ‘natra orda li sogni
u’moccò più ‘n la
quanno che li figli ha finito de studià…
chi le scole vasse e ….chi l’università!
 
Pure su li sogni
m’adè toccato de fà le priorità
so scerdo li più facili da rializzà!
 
Ma facile non adè
ne quistu ne quillu
la varba so’ sbiancato
e pure lu capigliu
 
Le forze m’è calate
e la fiducia pure
a furia de ‘mmucchialle
tutte le frecature!
 
La vita mia
adè fatta de lasciate perse
su lo marmo:
“Pe’ la famijia visse…
pe’ la famijia….morse!!”


Datte 'na mossa

Tantu tempu fa… me raccontava zia
Che pe’ la cerca
vussava su le porte li frati dell’Abbadia
 
“C’era tanda miseria…che jie putiamo dà…
quattro nuce se c’era e…. ‘n moccecò de pa”
 
“Però, poco o tanto lu frate se contendava
mittìa drendo la sacca
te vinidìa e… se ‘ncaminava!”
 
Un gnornu poru frate
jette a domannà la carità a ‘n muratò
che statìa a tirà su ‘n cantertu
no lo sapìa lu frate, no lo putìa sapè
che adera ‘n ccumunista nnertu!
 
Je desse quillu..
“non adè quist’annu sarrà n’atr’annu
che preti e frati lavoreranno...
lavoreranno a testa vassa
e canteranno vandiera rossa !”
 
Je respunnì lu frate co la carma sua..
“’ntando che ll’annu passa….
Tira su ssu candertu, prega e…
Se voli che lu patrò te paga…
Datte ‘na smossa!!!”


A 'nnammorasse

Quande orde adè capitato
de ‘nnammorasse de chi non te vole
te fa rode ll’anema e… te fa finì le sole!
 
Me desse ‘na orda unu
che lu nome adesso non me rvene
che a pijiasse le pene pe’ll’amore non convène!
 
De cure ce n’è poche
se tte vè ‘lla malatìa
e poli da le voccatelle
anzi che vaca via!
 
OhDdio
pe’ guarisse se guarisce pure
m’adè comme la purmunite
lascia sembre ‘m po’ de macchie scure!
Ma c’e da rassegnasse
perché ‘n’amore
vegne sembre le ‘ccommedature!
 
Ma piano-piano se smorcia ‘gni focu
quanno ce vole lu tempu tantu
quanno ce ne vole pocu
E allora penzi
che non adera un dramma a rmanè da sulu
pezzu de ‘n ciammellottu…
vatte a fa dà ‘nterculu!!!
Torna ai contenuti